Archivi del mese: Agosto 2012

Come già preannunciato ed in considerazione del fatto che la campagna “BLOG AD IMPATTO ZERO” ha suscitato notevole interesse, ho deciso di spostare questo argomento in un’area specifica (e con questo AVARIATEAM.COM sta diventando praticamente un vero e proprio portale).
Così tutto l’argomento e molto altro ancora, sono già stati trasferiti nel nuovissimo Blog “WHOLLOCK’s ENERGIES“.
Qui si parla sopratutto di un progetto teso alla produzione di energia elettrica in proprio, a livello domestico, che ci consentirà di abbattere il 100% dei consumi energetici e con grande avanzo di energia stessa che potremo utilizzare per i più diversi scopi.
Il progetto quindi che troverete in queste nuove pagine è puramente sperimentale ed ognuno è libero di trarne le proprie conclusioni e sfruttarlo per le applicazioni che riterrà opportune.
Non voglio svelarvi troppo ed anticiperò solamente che l’idea è tanto semplice quanto efficace ed il principio è talmente semplice che ci si meraviglia che non sia stato ancora commercializzato.
Mentre negli Stati Uniti molti già utilizzano dispositivi analoghi qui sembra che quanlcuno non vuole che si sappia.
Continua a leggere

Ieri 19 agosto 2012, intorno alle ore 14.30, verificavo che uno dei miei partners ospitato nella pagina LINKS, aveva subito un attacco esterno da parte di uno pseudo hacker. Infatti il sito in questione non presentava la consueta Home Page, bensì una sola pagina nera con la scritta “Il tuo sito di merda è stato defacciato da Th3-nx5” (che sembra il nome di una proteina andata a male), riportando un’immagine sacra sotto la scritta anzidetta. Ovviamente infastidito per l’amministratore del sito (in quel momento assente) ed altrettanto irritato per il danno che ne subivo io stesso, avendo ospitato tale pagina blasfema su questo blog, ovvero per il messaggio chiaramente antireligioso, effettuavo un po’ di ricerche riuscendo ad individuare un po’ di materiale relativo al presunto hacker autore del reato. Da lì è stato facile identificarlo, fino a raggiungerlo indirettamente sulla sua utenza telefonica. Smascherato lo stesso Lo-hacker ha ammesso ogni responsabilità con uno degli amministratori del sito attaccato, al quale erano state sottratte le credenziali di accesso in maniera fraudolenta, rendendosi responsabile quindi del reato di furto prima e di danneggiamento di sistemi informatici dopo. Lo stesso individuo, poco furbo direi, sicuro di avere agito nel più completo anonimato mediante l’utilizzo di un noto proxy, non si è curato delle numerosissime tracce lasciate in svariati luoghi della rete, dove disquisisce senza cognizione di causa di hacking ed altre stronzate delle quali si potrebbero anche interessare le Autorità, qualora dovesse continuare a dare fastidio. Scoperto quindi con le mani nella marmellata come un fesso, non gli è rimasto che provvedere al ripristino immediato di quanto da lui compromesso, ovviamente lasciando ulteriori tracce con il suo IP che è stato registrato. A questo signore suggerisco di trovarsi un altro passatempo ed invece di rompere le scatole in casa d’altri, se proprio fosse indispensabile e non potesse farne a meno, rompesse le cose in casa propria, dove la prossima volta, troverà la Forza Pubblica ad attenderlo, soprattutto vantandosi meno di cose che non è in grado di fare. In conclusione preciso che sebbene l’amministratore del sito danneggiato abbia deciso momentaneamente di soprassedere all’accaduto (con riserva), io non intendo farlo, ricordando alla persona in questione che, per Continua a leggere