Whatsapp, cinque cose da sapere


Tutti (o quasi) conosciamo benissimo Whatsapp come servizio di messaggistica che oramai è presente su tutti gli smartphone prevalentemente android.
L’App è talmente diffusa a livello planetario a tal punto che ben 700 milioni di persone al mese ne fanno uso, con uno scambio di 30 miliardi di messaggi giornalieri (da brividi).
I dati, resi pubblici da una ditta del settore, che si riferiscono a gennaio 2015, sono sicuramente di grande rilevanza ed è verosimile che ad oggi siano già stati superati per la continua espansione della stessa App.
Sono in moltissimi quindi ad utilizzare Whatsapp ma altrettanti quelli che ignorano queste 5 regole d’oro necessarie per un migliore utilizzo del servizio.
1. Se si chatta senza economia di parole e di conversazioni e si vuole conoscere quanto è stato scritto (e consumato) con il proprio numero associato all’App, bisognerà andare sulle impostazioni, successivamente su “account” e infine su “utilizzo rete”. Qui sarà possibile visualizzare il tracciato di quanti messaggi sono stati inviati e quanti ne sono stati ricevuti, nonchè tutte le informazioni relative ad i Bytes utilizzati.
2. Se non si vuole consumare eccessivamente il traffico dati a disposizione è possibile disattivare il download automatico delle foto e dei video.
La procedura è la seguente: andare su impostazioni, successivamente su “impostazioni chat” e da qui selezionare “auto-download file multimediali”, se si possiede un iPhone, oppure “download automatico media” se si possiede un smartphone che utilizza il sistema operativo Android.
E’ possibile scegliere se mantenere l’opzione sempre disattivata oppure solamente quando non c’è copertura wi-fi.
In questo modo può essere tenuto sotto verificare il traffico dati già consumato e quello ancora disponibile.
3. CHATSIM è un nuovo metodo per utilizzare Whatsapp (e molte altre apps di messaggistica) senza Internet. Si tratta di una vera e propria carta prepagata del costo di 10 €, lanciata ad aprile 2015 dopo un sperimentazione durata qualche mese, che permette di inviare messaggi anche senza connessioni internet. E’ attiva in 150 Paesi ed ideale per chi viaggia molto.
4. E’ possibile proteggere i messaggi di Whatsapp con una password. I messaggi scambiati con i vari contatti appaiono tutti in “chiaro”, ovvero visibili sulla home di Whatsapp e di conseguenza chiunque può sbirciare conversazioni private con una semplice occhiata. Per evitare indiscrezioni e per tutelare al meglio la propria privacy, può tornare comodo l’utilizzo di QUESTE APPLICAZIONI, risorse free e con download gratuito per gli smartphones che hanno sistema operativo Android. Le Apps, in generale, permettono di proteggere i propri messaggi mediante l’inserimento di una password, bloccare le chat da occhi indiscreti e quant’altro serva a proteggere la nostra app di messaggeria.
5. Whatsapp da qualche tempo permette di effettuare una chiamata via rete internet, bypassando le compagnie telefoniche e senza costi aggiuntivi se non quelli già sostenuti per il normale traffico dati. Quest’ultima non è una vera e propria novità, ci sono già diverse app che lasciano effettuare chiamate gratis. Tuttavià, ciò che fa la differenza, è la capillarizzazione e difusione dell’App sui tutti gli smartphones.


[audio:dta.mp3]